fbpx
8 agosto 2018
Commenti 0
8 agosto 2018, Commenti 0

SOS FISIOTERAPIA D’ESTATE

Fisioterapia:

Iniziato il grande caldo e anche le prime ferie, ci stiamo avvicinando ad agosto, mese cruciale per chi ha bisogno di cure mediche o fisioterapiche.  Io, già da tempo, mi sono informata sulle ferie del dott. Emiliano Grossi fisioterapista specializzato nella RIEDUCAZIONE POSTURALE  GLOBALE SOUCHARD che negli anni mi ha salvato più volte da una terribile operazione alla schiena. Chiedo a lui notizie sul tema di  come fare d’estate nelle grandi città dove dal primo agosto è tutto chiuso. Cominciamo dalle patologie occasionali e legate all’estate.

Spiega il dott. Grossi: “in questo senso anche chi non soffre abitualmente di dolori alla schiena, nel periodo estivo o pre-estivo può andare incontro ad alcuni problemi legati a questo momento specifico. Più frequentemente questi si manifestano come dolori al collo (cervicali) o irradiati alle braccia (cervicobrachialgia) o  alla parta bassa della schiena ( lombari) anche irradiati alle gambe ( lombosciatalgia). Ad esempio in questo periodo, l’esposizione a temperature molto alte ed umide alternata per contro ad ambienti molto freddi ad esempio negozio, uffici, auto, con aria condizionata a volte fin troppo fredda, possono incrementare il rischio di dolori legati a contratture muscolari”.

migliore fisioterapia a roma urgente

Ma in questi o in altri casi in cui si ha bisogno urgente di un fisioterapista a chi ci si può rivolgere con fiducia?

“È fondamentale rivolgersi ad un laureato in fisioterapia quindi un professionista sanitario, unica figura legalmente abilitata a questo tipo di cure, stando alla larga da praticoni o personaggi con titoli altisonanti ma privi di significato medicolegale. A questo proposito quest’anno c’è appena stata una grande svolta storica  in Italia, in quanto dal 1 luglio 2018, ogni fisioterapista è obbligato per legge ad iscriversi all’albo professionale. Finalmente tutti gli Italiani che avranno bisogno di un fisioterapista potranno verificare che il nome che hanno scelto corrisponda ad un professionista riconosciuto”.

E chi sta in un luogo di villeggiatura cosa può fare?

“Se si cerca un fisioterapista specializzato in una metodologia specifica (come ad esempio la Rieducazione Posturale Globale – RPG Souchard, può fare riferimento all’Associazione Italiana di categoria, in questo caso la AIRPG). Se invece non si è mai avuta esperienza con un fisioterapista si può far riferimento al sito dell’AIFI , l’Associazione italiana fisioterapisti. Non è escluso che a breve, dopo l’istituzione dell’albo ( siamo in questi giorni ancora in organizzazione) ci possano essere liste ufficiali fruibili online”.

Ci sono dei “compiti a casa” che si possono fare in attesa che torni dalle vacanze il proprio fisioterapista?

Anche qui esistono diversi approcci. Nel mio centro di fisioterapia abbiamo sviluppato negli anni degli specifici protocolli operativi per dare il massimo ai nostri pazienti e renderli indipendenti; questo riduce la presenza del paziente in studio ma rende sia loro che noi come professionisti più soddisfatti dei risultati positivi ottenuti e mantenuti. Il nostro obiettivo non è creare dipendenza nei pazienti, ma risolvere il loro problema nel minore tempo possibile e metterlo in condizione di mantenere l’equilibrio ottenuto. Personalmente posso dire che tutti i pazienti del Centro di Fisioterapia FisioClinic di Roma e Bergamo sono educati durante il percorso di fisioterapia ad autogestirsi nel migliore dei modi in modo da essere sempre meno legati alle sedute continue e potersi auto-trattare se necessario. In questo senso i pazienti quando non sono vicini allo studio o in un periodo di vacanza possono avere dei piccoli esercizi di pochi minuti al giorno da fare oppure sono comunque stati già istruiti su quali siano gli esercizi (specifici per la loro problematica) da effettuare nel caso di un’urgenza.

Migliori fisioterapisti a Roma

Per il resto io i miei collaboratori siamo sempre reperibili via e-mail o attraverso la segreteria dello studio per poter rispondere ai dubbi di pazienti ed indirizzarli al meglio anche quando non siamo presenti fisicamente. Abbiamo un’organizzazione che, anche in periodi di lontananza dallo studio, ci permette di rispondere al paziente quasi in tempo reale”.

Piaciuta questa intervista? Leggi QUI cosa dicono di noi i pazienti già trattati!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *