26 Marzo 2020
Commenti 0
26 Marzo 2020, Commenti 0

Fisioterapia Coronavirus Covid-19 SARS-Cov-2 2019-nCoV

La Fisioterapia per Covid-19 e pazienti affetti da Coronavirus SARS-Cov-2 2019-nCoV

La Fisioterapia nei pazienti affetti da SARS-Cov-2: dalle strategie nella fase acuta della Covid-19 alla riabilitazione respiratoria

SARS-Cov-2 2019-nCoV Covid-19 Coronavirus

L’emergenza pandemica da SARS-Cov-2 ( o 2019-nCoV ) sta mettendo a dura prova i sistemi sanitari di tutto il mondo. In Italia come sappiamo l’epidemia ha avuto un esordio devastante e fino ad ora si è manifestata con numeri molto elevati sia degli infettati che purtroppo dei deceduti.

Come si è detto più volte , il fattore cruciale che rende difficoltosa la cura di questo nuovo coronavirus è il grande numero di persone che è capace di infettare nell’unità di tempo. Per questo a livello mondiale le indicazioni sono concordi sull’importanza dell’isolamento sociale.

In questo panorama complesso e nuovo per tutti, il personale sanitario si trova ad affrontare una enorme sfida, spesso non supportata dalle capacità strutturali ospedaliere e di assistance strutturali come le terapie intensive a disposizione. Medici, infermieri e fisioterapisti hanno dovuto in pochissimo tempo trovare risorse e mettere a punto strategie per fronteggiare questa emergenza.

Fisioterapia SARS-Cov-2 2019-nCoV Covid-19 Coronavirus

Di fatto Covid-19 può manifestarsi come una polmonite molto acuta ) Sindrome Acuta respiratoria Sistemica) con il bisogno di semplice somministrazione di ossigeno nei casi lievi, fino una vera respirazione artificiale meccanica invasiva nel caso di calo drastico della saturazione di ossigeno nel sangue.

Physiotherapy SARS-Cov-2 2019-nCoV Covid-19 Coronavirus.jpg

Per quanto riguarda la fisioterapia questa è di fatto molto importante in due fasi distinte dell’ infezione da Coronavirus SARS-Cov-2 .

  1. Nella FASE ACUTA il ruolo fondamentale del fisioterapista è saper gestire insieme agli altri specialisti, il posizionamento dei pazienti. Questo può essere:
    • Paziente Supino, con tutti gli aiuti in termini di ottimizzazione della posizione che il fisioterapista può dare.
    • Cambi di posizione con strategie facilitanti.
    • Posizionamenti da seduto o semi seduto (che favoriscono una respirazione più fisiologica e rilassata).
    • Posizioni sul fianco (attentamente valutate a seconda del caso specifico e dello stato polmonare del paziente).
    • Paziente Prono, nel momento in cui le complicanze e l’insufficienza respiratoria diviene tale da dover intubare il paziente in questa specifica posizione. È importante la valutazione insieme a tutto lo staff interdisciplinare di questa posizione. Questa infatti aiuta a distribuire meglio le pressioni sul parenchima polmonare. Ad esempio il cuore in posizione prona va a pesare sullo sterno anziché gravare, come da supino su parte dei polmoni. In questa posizione di pronazione  aumenta sia la perfusione che la ventilazione.
  2. Nella FASE SUCCESSIVA o in cui il paziente si negativizza al virus e recupera le funzionalità respiratorie, senza più il bisogno della ventilazione assistita, sarà importante quanto prima reintrodurre e rieducare la Respirazione Diaframmatica per evitare che si instaurino compensi respiratori (ovvero vizi ed utilizzo di muscoli respiratori accessori). In questa fase fisioterapica riabilitativa, contemporaneamente al progressivo recupero della forza respiratoria è importantissimo elaborare un piano di trattamento per recuperare tutta la muscolatura del corpo e la forza generale. I carichi di lavoro devono necessariamente essere progressivi ma puntare a ristabilire un’autonomia funzionale e muscolare in tutte le funzioni della vita quotidiana, partendo da una corretta deambulazione, la gestione autonoma della propria igiene e delle funzioni comuni.

Physiotherapy SARS-Cov-2 2019-nCoV Covid-19 Coronavirus.jpg

Come in tutti gli allettamenti prolungati in cui il paziente non ha autonomia di cambio di posizionamento, possono verificarsi una serie di problemi associati come ad esempio le piaghe da decubito che dovranno essere prevenute e nel caso curate in maniera coordinata dal personale infermieristico, medico e fisioterapico.

fisioterapia per coronavirus Physiotherapy

In questi momenti difficili il personale sanitario sta dando grande prova di determinazione, coordinazione, capacità ed in molti casi di abnegazione personale. Basti pensare alla grandissima percentuale di personale sanitario che ogni giorni si trova positivo al virus. Per questo è fondamentale implementare tutte le misure necessarie affinché il medico, l’infermiere ed il fisioterapista sia tutelato nella prevenzione dell’infezione. A tal proposito l’Arir in questo documento chiede di “attenersi alle indicazioni riportate nel documento prodotto dal Gruppo di lavoro ISS Prevenzione e controllo delle Infezioni. Indicazioni ad interim per un utilizzo razionale delle protezioni per infezione da SARS-COV-2 nelle attività̀ sanitarie e sociosanitarie (assistenza a soggetti affetti da covid-19) nell’attuale scenario emergenziale SARS-COV-2. Versione del 1° marzo Roma Istituto Superiore di Sanità ; 2020 (Rapporto ISS COVID-19, n.2/ 2020) “

INDICAZIONI AD INTERIM PER UN UTILIZZO RAZIONALE DELLE PROTEZIONI PER INFEZIONE DA SARS-COV-2 NELLE ATTIVITÀ SANITARIE E SOCIOSANITARIE (ASSISTENZA A SOGGETTI AFFETTI DA COVID-19) NELL’ATTUALE SCENARIO EMERGENZIALE SARS-COV-2

Link e riferimenti:

Riabilitazione respiratoria per i pazienti Sars-Cov2: il ruolo del fisioterapista

https://www.abilitychannel.tv/coronavirus-come-fare-la-fisioterapia-respiratoria-su-pazienti-con-covid-19

coronavirus

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.