Fisioterapia e riabilitazione per Traumi, traumi sportivi, fratture, interventi

Traumi muscolari, distorsivi, meniscali , fratture: l’approccio e la riabilitazione.

Nella pratica sportiva soprattutto, ma in generale anche nell’attività lavorativa o domestica, esiste il rischio di incorrere in traumi e lesioni che possono interessare la muscolatura, le articolazioni o le ossa.

Nel primo caso, il danno muscolare può essere causato da cause dirette quando un agente esterno colpisce la muscolatura danneggiandola, in questo caso si parla di contusione, oppure da cause indirette quali contratture, stiramenti fino nei casi più gravi allo strappo muscolare (rottura parziale o totale delle fibre).

I traumi articolari, invece, si distinguono in: distorsioni, lussazioni, lesioni capsulo-legamentose, lesioni meniscali o dei dischi e lesioni cartilaginee.

  • La distorsione prevede un movimento abnorme dell’articolazione oltrepassando i limiti fisiologici senza lesioni ossee.
  • La lussazione rappresenta uno slittamento dei capi ossei con perdita totale di contatto, quando esiste ancora un margine di contatto si parla di sublussazione.
  • La lesione capsulo legamentosa, dove l’esempio più comune è la rottura del Legamento Crociato Anteriore LCA, si distingue in tre gradi a seconda della quantità di fibre coinvolte ed è provocata da traumi rapidi.
  • Lesione meniscale o dei dischi, che rappresentano le strutture che hanno la funzione di ammortizzare e assorbire sollecitazioni, può essere totale o parziale.
  • Infine la lesione cartilaginea, anche detta condropatia, è il risultato di distorsioni o microtraumi ripetuti che hanno portato all’erosione della cartilagine.

In generale tutti i traumi di natura muscolare o articolare provocano dolore intenso (aggravato dal movimento), gonfiore e infiammazione ed in alcuni casi instabilità articolare.

Trattamento:

Solo nei casi più gravi si ricorre ad interventi chirurgici, ma è sempre consigliato un trattamento conservativo.

Dopo una corretta diagnosi quindi bisogna intraprendere un percorso riabilitativo mirato all’eliminazione della sintomatologia dolorosa e dell’infiammazione e al recupero del tono muscolare e del range articolare fisiologico.

Le fratture ossee

La frattura è l’interruzione dell’integrità dell’osso, essa può essere di origine traumatica, patologica (se l’osso è minato da un processo patologico come l’osteoporosi negli anziani), fratture da stress o sovraccarico, dovute a continue sollecitazioni sull’osso, ed infine fratture da avulsione quando c’è un distacco osseo in corrispondenza di un’inserzione tendinea in seguito a contrazione violenta di quel muscolo. La classificazione delle fratture è un argomento ampio ma riassumiamo le principali:

  • Composta (senza dislocazione dei frammenti).
  • Scomposta (con dislocazione dei frammenti).
  • Chiusa o esposta in relazione all’integrità della cute.
  • Semplice o pluriframmentaria in base al numero dei frammenti ossei prodotti.
  • trasversa/obliqua/ spiroide/longitudinale a seconda del decorso e della forma della rima di frattura.

La sintomatologia è caratterizzata da dolore, ematoma, ridotta mobilità ed impotenza funzionale e le fasi di guarigione sono strettamente connesse con i tempi di recupero fisiologici del tessuto, infatti, è necessaria la formazione del callo osseo e il suo rimodellamento per il recupero della resistenza meccanica. Nei casi più gravi è necessario l’intervento chirurgico per eliminare frammenti o rendere possibile l’allineamento dei capi ossei, altrimenti si immobilizza con apparecchi gessati o tutori. Diventa importantissimo iniziare quanto prima un protocollo riabilitativo al fine di eliminare la sintomatologia, impedire l’instaurarsi di sequele secondarie dovute all’immobilità e raggiungere un recupero funzionale del distretto interessato.

Fiamma Fabbiani

Specialista in Rieducazione Posturale Globale  – Roma

FISIOCLINIC Riabilitazione Globale – Fisioterapia

@ Copyright come da legislazione vigente

Qualsiasi utilizzo, anche parziale, in ogni sua forma, di uno o più articoli deve essere autorizzato dall’autore o sarà considerato illecito cosi come disposto dalla legge.